Scrivi la tua mail per ricevere i nuovi articoli

riceverai una mail di conferma

TagCloud

Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Dall'acquedotto alla depurazione con Jenny Ruaben

IMG 3745Il 12 aprile 2012 è venuta a scuola Jenny Ruaben, una giovane ingegnere per l'ambiente e il territorio presso l'università di Trento, abita a Brusino, ha fatto un lavoro di ricerca e sperimentazione al depuratore di Ranzo.

 

Jenny Ruaben con la calsse 4^ di Vezzano.Ci ha parlato dell'acqua che arriva dall'acquedotto alle nostre case, degli scarichi ed in particolare delle fognature e della loro storia, dei grandi depuratori nelle città e del loro funzionamento.

Ci sono depuratori piccoli come quelli di Ranzo e di Margone; medi come quelli di Santa Massenza e Calavino e grandi, come quelli di Trento e Pietramurata. Tutti questi sono depuratori biologici a fanghi attivi cioè sono degli impianti che usano i batteri per depurare l'acqua.

Per capire meglio come funzionano andremo a visitarli.

Leonardo

il ciclo dell'acquaL'uomo prende l'acqua dalla sorgente. Lì costruisce una presa in modo che nessuno possa inquinare l'acqua, la circonda di reti e caditoie.

L'acqua va poi nel deposito e, attraverso dei tubi, arriva nelle case.

Le acque che un umano usa ed escono dagli scarichi di elettrodomestici, lavandini, vasche da bagno, docce si chiamano acque grigie, mentre si chiamano acque nere quelle che vengono dai wc. Queste acque insieme si chiamano acque reflue; attraverso le fognature arrivano al depuratore e di lì si depurano e vanno nei fiumi, nei laghi, nei mari.

Pietro

Operai posizionano fognature in pvc.Le fognature sono reti di tubazioni che prendono le acque reflue da tutte le utenze, con dei tubi che poi si uniscono in un tubo più grande, e le convogliano ad un opportuno impianto di trattamento, chiamato depuratore.

Già 2000 anni fa, gli antichi romani per costruire le fognature nelle grandi città usavano calce e mattoni. Piano piano gli uomini lasciarono sempre più perdere le fognature finché non le costruirono più. Nel 1800, nelle grandi città senza fognature si diffondevano epidemie, cioè malattie che contagiano e fanno morire molte persone.

Questo succedeva perché l'acqua di scarico che scorreva in superficie conteneva germi, batteri, sostanze chimiche e nocive. Oltre alle epidemie inquinavano anche l'ambiente e avvelenavano gli animali. Gli uomini perciò iniziarono di nuovo a costruire le fognature.

Erik, Alex

Nell'acqua di scarico si trovano sostanze biodegradabili che piacciono alle alghe e anche ai batteri, che trasformano queste sostanze in acqua, sali minerali e gas.

Se faccio i miei bisogni in un lago, i batteri si mangiano i miei rifiuti di gusto e puliscono così l'acqua. Ma se invece nell'acqua si gettano troppe sostanze biodegradabili, i batteri si moltiplicano e respirando consumano tutto l'ossigeno presente nei fiumi e nei laghi e questo è un problema per i pesci.

Poi ci sono anche le sostanze nutrienti che vengono usate per darle alle piante come nutrimento per farle crescere bene. Perciò i nutrienti sono degli elementi positivi. Ma le piante non assorbono mica tutti i nutrienti, alcuni rimangono nel terreno e vengono portati via dalla pioggia arrivando ai fiumi e ai laghi. Quando vanno nei fiumi e nei laghi succede che favoriscono la crescita delle alghe che una volta diventate grandi e numerose non lasciano spazio per muoversi ai pesci e così non c'è più vita nei laghi.

Per questo hanno inventato i depuratori che impediscono tutto questo grazie ai batteri che mangiano le sostanze biodegradabili così quando l'acqua va nei laghi non c'è il problema che fa morire i pesci.

Chiara

© 2012 Istituto Comprensivo della Valle dei Laghi