Scrivi la tua mail per ricevere i nuovi articoli

riceverai una mail di conferma

TagCloud

Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


L'uscita a S. Massenza

Ci incamminiamo verso S. Massenza.Giovedì 6 marzo siamo andati a visitare la centrale idroelettrica di S. Massenza.

Siamo partiti da scuola verso le 8 e mezza e abbiamo imboccato un sentiero di campagna che portava alla centrale.

Cammina cammina siamo arrivati a S. Massenza alle 9.45, dove all'entrata della centrale, un addetto ci ha accolto.

Siamo entrati nel cortile della centrale e subito dopo in una sala. Con un proiettore la guida ci ha fatto vedere il lago di Molveno e la diga di Ponte Pià. Successivamente ci ha mostrato alcuni quadri di come lavoravano una volta: nel primo quadro si vedevano dei signori che lavoravano nella galleria senza caschetto, nel secondo quadro una pompa, nel terzo una turbina di color arancione e tante altre cose in bianco e nero (58 anni fa hanno iniziato a inventare i colori).

Il signore ci ha fatto indossare dei caschetti poi siamo entrati in una galleria lunga 300 m, era così lunga che ci ha lasciato a bocca aperta. Ci ha raccontato che per costruirla hanno impiegato 10 anni, e che sono anche morte 34 persone.

Dopo aver attraversato la galleria abbiamo visto le turbine, le pompe e la guida ci ha spiegato tante cose interessanti, per esempio le condotte dell'acqua che prendono l'acqua dal Lago di Molveno e la portano a S. Massenza, la notte invece le pompe riportano l'acqua al Lago di Molveno.

Abbiamo visitato la sala di controllo dove c'era una lavagna che mostrava il livello dei laghi da tenere sempre sotto controllo. C'era anche un quadro con dei comandi che controllavano ogni macchinario della centrale.

Indossato il caschetto siamo pronti. Comincia la visita. Sala macchine. Attenzione a dove mettiamo i piedi.

In posa sul pontile.Verso le undici e mezza siamo usciti dalla centrale e ci siamo accomodati in un praticello pieno di fiori, abbiamo aperto in tutta fretta i nostri zainetti per mangiare i nostri squisiti pranzetti, e in due bocconi abbiamo divorato quasi tutto.

Dopo aver mangiato i nostri pranzetti siamo corsi a giocare, chi sul pontile e chi sul praticello.

Nausica, Giada e Anna facevano finta che nel lago ci fossero gli squali e svenivano per finta.

Dopo pranzo abbiamo continuato la nostra passeggiata e siamo arrivati ai Due Laghi dove comincia la passerella che costeggia il lago di Toblino.

Dopo un po' siamo arrivati in un prato dove c'era un cartello con scritto che ci trovavamo in un'aria protetta. Lungo la passerella abbiamo visto dei cigni e dei germani reali ai quali abbiamo dato il pane.

Momenti di gioco.Poi siamo andati a mangiare il gelato e ci siamo fermati in un prato a giocare.

Dopo aver mangiato il gelato abbiamo aspettato Francesco, perché aveva perso l'apparecchio, quando è ritornato, per fortuna con il suo apparecchio, ci siamo incamminati verso Vezzano.

Correndo in salita, perché eravamo in ritardo, siamo arrivati a Vezzano stanchi morti.

Gli alunni di classe terza scuola primaria di Vezzano

© 2012 Istituto Comprensivo della Valle dei Laghi