TagCloud

Oggi insegno io... la Moldavia

Mamme moldave in classe.Lunedì 14 dicembre nella classe prima di Vezzano è iniziato il progetto “Oggi insegno io”. Durante questo momento sono i genitori (o i famigliari) a fare lezione. Sono intervenute la mamma di Andreas, la signora Svetlana e una sua amica. Mamma Svetlana arriva dalla Moldavia e, insieme alla sua amica Raissa, ci ha parlato del suo Paese d'origine.

Sono arrivate vestite con il loro abito tradizionale: una gonna rossa e una camicia bianca con dei decori eseguiti a mano.

Vi raccontiamo cosa ci ricordiamo o cosa ci ha colpito di più.

Eva: “Mi è piaciuto quando eravamo seduti in cerchio e, mentre sfogliavano un libro, ci hanno dato molte informazioni sulla Moldavia”.

Allegra: “In Moldavia c'è tanto verde, ci sono le colline e si coltivano le stesse cose che coltiviamo noi in Trentino”: frutta e tanta uva.

Andreas: “Sul libro c'erano tante immagini e a me ha colpito il museo e il monastero”.

Davide G:“ La Moldavia ha le montagne basse”.

Alice:“Ci hanno mostrato un monastero particolare era costruito nella roccia”.

Elisa:“Anch'io mi ricordo la casa di roccia (il monastero) e la fotografia della città capitale della Moldavia: Chişinău”.

Liviu:“Mi ricordo le tantissime macchine che c'erano nella fotografia di Chişinău”.

Francesco: “Mi è piaciuto fare il gioco del telefono guasto tutti in cerchio e poi il lavoretto. Ci hanno distribuito il sale in un piattino, un bicchiere di vetro e hanno messo sul bicchiere la colla vinavil poi noi lo abbiamo rotolato nel sale colorato poi quando è asciutto ci mettiamo il nastrino”

Davide P:“In Moldavia nelle città ci sono tante case a più piani, nei paesile case sono basse anche se sono vecchie, sono belle e ben tenute. La Moldavia è molto lontana da noi. Per andare in Moldavia devo prendere la macchina, il pullman, il treno o l'aereo ma non posso andarci a piedi.” La Moldavia è grande.”.

Valentina:“Mi ha colpito la casa dove vive il presidente della Moldavia, lui vive a Chişinău che è una città molto grande, quasi tutte le persone importanti della Moldavia vivono nella capitale; la Moldavia è ricca di verde”.

Veronica:“Ci hanno fatto vedere com'è il loro Paese: è con le colline, immerso nel verde, con tanti campi coltivati”.

Marta:“In Moldavia ci sono tanti prati e tanto verde; lungo le strade delle città ci sono tante statue, le case possono essere lunghe e basse o strette e alte”.

Gabriel:“Abbiamo mangiato i biscotti tipici della Moldavia: erano fatti a forma di cornetto, dentro c'era marmellata e noci, erano rivestiti di pasta frolla e poi c'era lo zucchero a velo; ci hanno mostrato la cartina della Moldavia e la sua bandiera: èa tre colori come quella italiana ma blu gialla e rossa. In Moldavia ci sono molte chiese: noi ne abbiamo vista una e anche i suoi dipinti. Ci hanno detto che per arrivare al monastero si doveva fare un sentiero molto stretto, non si possono raggiungere con la macchina. l'amica di Svetlana ci ha portato un tappeto realizzato a mano dalla sua mamma con tanti disegni colorati e noi ci siamo seduti sopra. La Moldavia è vicina alla Romania, è piena di musei, case antiche e statue che ricordano le persone importanti”.

Ion:“La capitale della Moldavia è Chişinău, è una città famosa, grande con dei palazzi e grattacieli e con molti musei che ricordano le persona importanti che sono vissute in Moldavia; sulle foto abbiamo visto gruppi di persone vestite in modo uguale che ballano le danze tradizionali; la bandiera della Moldavia è formata da tre colori (rosso, blu, bianco) la Moldavia è vicina alla Romania e ci sono tante cascate, boschi e tanta natura, ci sono molti pittori che facevano quadri strani e sono esposti nei tanti musei, dove sono custoditi i sono resti degli antichi abitanti della Moldavia”.

Fabiana:“Nella fotografia della città di Chişinău c'erano tante macchine mentre fuori dalla città c'è tanto verde”.

Pietro:“Queste signore hanno dei nomi difficili da dire perché sono nella lingua della Moldavia ed erano vestite in modo strano perché indossavano un vestito tipico che non si mette tutti i giorni . Mi è piaciuto il loro paese perché ci sono tanti prati e mi piacerebbe andarci.”

Abbiamo mangiato i biscotti che ci hanno portato, abbiamo visto il pane fatto a forma di ciambella intrecciata e ci hanno portato anche un cestino di mele enoci. Infine, insieme a Svetlana e alla sua amica abbiamo realizzato un bellissimo regalo di Natale: un porta candele con un bicchiere di vetro rivestito di sale colorato. Grazie di essere venute in classe!

Visita la galleria fotografica.

© 2012 Istituto Comprensivo della Valle dei Laghi