Scrivi la tua mail per ricevere i nuovi articoli

riceverai una mail di conferma

TagCloud

Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


 

Scuola Secondaria di Primo Grado

Cristoforo Madruzzo

Indirizzo: via 25 aprile, 7 - 38073 Cavedine

Telefono e fax: 0461568892

Posta elettronica:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Insegnante fiduciario:

prof. Alessandro Fabris

 

Percorso su Cesare Battisti

cesare battistiMartedì 22 ottobre 2013 noi della classe 3°A della Scuola Secondaria di Primo Grado di Cavedine siamo andati in gita a Trento per fare un percorso su Cesare Battisti.

Abbiamo iniziato l’attività in una saletta del museo storico, dove un’esperta ci ha spiegato la storia di Cesare Battisti.

Egli era un irredentista di Trento, nato il febbraio 1875 e morto il 12 luglio 1916, assassinato dagli austriaci dopo essere stato giudicato colpevole di essere un traditore. Questo perché desiderava che il Trentino diventasse parte del Regno d’Italia e si staccasse dall’Impero Austro-Ungarico. Facendo parte di una famiglia benestante, Cesare ha potuto frequentare il liceo e l’università. Inizialmente desiderava frequentare l’università di lettere a Firenze, ma la madre lo convinse a frequentare l’università di giurisprudenza a Graz. Nel 1895, a Graz è entrato a far parte del Partito Socialista austriaco.

Dopo essersene andato dall’università austriaca, si è iscritto in quella di Firenze. La sua tesi di laurea del 1897 era una tesi di geografia riguardante il Trentino.

Sempre a Firenze ha conosciuto Ernesta Bittanti, con la quale si è sposato il 07 agosto 1899 ed ha abitato a Trento. Da lei ha avuto tre figli: Luigi, Livia e Camillo.

Fondatore del quotidiano “Il Popolo”, nel 1914 è stato arruolato come soldato italiano insieme all’amico Fabio Filzi.

Nel luglio del 1916 i due sono stati catturati dagli austriaci, riportati a Trento e detenuti nel Castello del Buonconsiglio fino alla loro impiccagione.

I due vennero seppelliti nella fossa sotto il castello (che siamo andati a visitare), finché non vennero riseppelliti nelle tombe familiari.

cesare battisti2

 

cesare battisti3Nel periodo fascista, però, Mussolini ha fatto costruire sul Doss Trento un mausoleo in onore di Battisti e lo hanno fatto seppellire lì.

Il progetto era di far costruire anche un Museo per gli Alpini, che avrebbe interamente ricoperto la cima del doss.

 

 

Dopo essere usciti dal mausoleo siamo tornati in città e abbiamo preso la corriera per tornare a casa.

La gita è stata molto interessante, perché è stato un modo particolare di fare scuola, che ci ha dato l’opportunità di imparare in modo diverso.

© 2012 Istituto Comprensivo della Valle dei Laghi