Scrivi la tua mail per ricevere i nuovi articoli

riceverai una mail di conferma

TagCloud

Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


 

Scuola Secondaria di Primo Grado

Cristoforo Madruzzo

Indirizzo: via 25 aprile, 7 - 38073 Cavedine

Telefono e fax: 0461568892

Posta elettronica:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Insegnante fiduciario:

prof. Alessandro Fabris

 

Arte e dipendenze alla SSPG di Cavedine

dipendenze1Durante il mese di marzo sono venuti nella nostra classe tre esperti che hanno tenuto con noi tre incontri, tutti svoltisi di martedì durante le prime tre ore di lezione.

La prima di queste esperte ci ha spiegato che le dipendenze possono essere per esempio il fumare, il bere alcool e così via; una persona dipendente pensa che è necessaria qualcosa che invece non lo è.

Le prime volte che una persona fa uso di sostanze che possono creare dipendenze ne sottovaluta il rischio, pensando di essere in grado di controllarsi, ma gradualmente la persona perde il controllo e cade nella dipendenza, allora diventa sempre più difficile smettere di farne uso.

 

Dopo esserci conosciuti abbiamo cominciato il vero e proprio lavoro, abbiamo disposto i banchi a “ferro di cavallo” e così ci hanno distribuito un foglio e una scatola di pastelli a olio.

Nel momento in cui le persone usano l’oggetto o la sostanza che causa dipendenza possono sentirsi bene, felici, allegri, così noi abbiamo fatto un disegno che esprime questa condizione; per rappresentare appunto la felicità, l’amicizia, l’amore, l’allegria, abbiamo utilizzato i pastelli ad olio di colore caldo: il rosso, l’arancione, il giallo, il bianco.

dipendenze2Al centro del foglio con il bianco abbiamo fatto un cerchio rotondo e poi abbiamo utilizzato il giallo per rappresentare un’espansione che di seguito abbiamo sfumata con le dita e con la gomma. Abbiamo raffigurato i raggi del sole con il colore arancione che di seguito abbiamo sfumato passandovi sopra una mano di rosso.

 

 

Terminato questo lavoro ci hanno domandato che cosa costituisse per noi il centro, abbiamo risposto che secondo la nostra sensazione potevamo essere noi.

 

Successivamente ci siamo divisi in coppie e questa volta abbiamo utilizzato anche i pastelli di colore freddo come il blue, il grigio, il marrone e il nero, che trasmettono noia, tristezza e tanti altri sentimenti negativi; abbiamo diviso così il nostro foglio in due parti dove disegnavamo due linee che si dovevano incontrare e poi sfumare. In questo modo è finito il nostro primo giorno di lavoro sulle dipendenze.

 

Nel secondo incontro le esperte ci hanno spiegato che le dipendenze possono anche farci sentire tristi e impauriti, allora abbiamo riempito undipendenze3 foglio con la graffite o carboncino e con la gomma poi abbiamo fatto il ritratto di una persona immaginaria, abbiamo disegnato un ritratto triste.

 

 

Molti di noi pensavano di non farcela ma alla fine i nostri lavori sono venuti tutti molto belli.

 

All’inizio del terzo incontro dovevamo ascoltare della musica, scegliere un pastello ad olio e tracciare una riga guidati dalla melodia delle note, se la musica era rilassante si tracciava così una riga più dritta rispetto a quella derivante da una musica più ritmata, dovevamo svolgere questo lavoro su tanti fogli, l’uno attaccato all’altro. Quando abbiamo finito il lavoro abbiamo staccato i fogli dai quali poi abbiamo ricavato un albero.

 

dipendenze4  dipendenze5 

 

In seguito ci siamo divisi in due gruppi, il primo gruppo è andato in biblioteca per allestire la mostra con i nostri lavori, l’altro invece è rimasto in classe con una delle due esperte che ci chiedeva se avessimo mai avuto delle dipendenze e come ci sembrava l’esperienza di laboratorio fatta; successivamente abbiamo fatto lo scambio di gruppi.

 

La nostra mostra si è inaugurata l’1 aprile alle 17 nella sala della biblioteca comunale di Cavedine; per l’occasione c’era anche un buffet allestito con le pizze preparate nel laboratorio di cucina.

 

Jasper Chippendale, Nicola Pedrotti, Alessia Pisoni - 2B

 

dipendenze7  dipendenze6 
© 2012 Istituto Comprensivo della Valle dei Laghi