Scrivi la tua mail per ricevere i nuovi articoli

riceverai una mail di conferma

TagCloud

Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


Compiti del lunedì: è giusto assegnarli?

Link


Il tempo scuola in Finlandia

Link


Il sabato a scuola: favorevoli e contrari

Link


I compiti durante le vacanze

Link


Il dibattito sui compiti in Francia

Link


 

Scuola Secondaria di Primo Grado

Cristoforo Madruzzo

Indirizzo: via 25 aprile, 7 - 38073 Cavedine

Telefono e fax: 0461568892

Posta elettronica:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Insegnante fiduciario:

prof. Alessandro Fabris

 

Quel mio amico così

giornataautismoGiovedì 2 aprile, anche se eravamo già in vacanza, la classe 1^B si è recata con le proprie famiglie a Rovereto presso la sala Filarmonica per la premiazione del concorso sull'autismo. La data scelta è significativa in quanto è la giornata mondiale dedicata all'autismo.

Disabilità che grazie alla ricerca comincia a essere riconosciuta in età infantile, questo permette un intervento tempestivo da parte di medici ed educatori.

 

 

 

 

giornataautismo1Nella nostra classe c'è un ragazzo autistico che alcuni di noi conoscono dall'asilo e proprio grazie a lui abbiamo partecipato al concorso dedicato all'autismo. Ognuno di noi ha raccontato il rapporto che ha con lui. Dai nostri elaborati risulta che il suo inserimento è un arricchimento per tutti noi. Non siamo arrivati nella rosa dei primi tre ma siamo stati segnalati per la completezza dell'elaborato e sono stati letti alcuni passi del nostro lavoro.

Ve ne alleghiamo alcuni:

 

Avere un amico come Andrea è molto bello perché lui mi trasmette delle emozioni bellissime. (Gabriele)

 

A scuola lui ogni mattina viene in classe a salutarci con la sua insegnante ed è sempre felice. Per esprimersi adotta dei sistemi per farsi capire: il tablet, e una tabella con i suoi simboli. Lui è stato molto gentile ad invitare tutta la sua classe al suo compleanno in pizzeria. (Veronica)

 

Nessuno mi ha dato le stesse emozioni che mi ha regalato lui. (Patrick)

 

Io conosco A. da quando andavo alle elementari e con i miei compagni ci divertivamo un sacco a giocare con lui in giardino o quando, a mensa, aveva finito e andava con il suo piatto dalle cuoche che passavano a dare il bis agli altri e stava lì come per chiedere ”posso ancora?”. (Maria)

 

Prima di conoscerlo non immaginavo l' esistenza di questa disabilità e durante le prime settimane di scuola non sapevo come comportarmi e non mi sentivo a mio agio. (Michele)

 

Ad A. piace il colore rosso, infatti al suo compleanno abbiamo scelto dei regali con quel colore; A. quando è contento gesticola con le mani, si avvicina e certe volte salta, quando cammina lui fa 2 o 3 passi e poi fa una giravolta, è molto veloce a correre, emette strani suoni con la voce. (Angelica)

 

Lui è proprio un bambino speciale. (Lucia)

 

Questa diversità ci ha fatto capire quanto siamo fortunati tutti noi e quanto possiamo dare a persone come A. (Clarissa)

 

Quando vedo A. voglio stargli vicino e giocare con lui. (Bilal)

 

In questo mio racconto voglio parlare di un mio compagno e amico di classe. È un bambino che soffre di autismo ma questo non lo rende diverso da noi. Infatti a me piace tanto parlargli e la mattina quando mi saluta mi rende contento. (Gabriel)

 

Io penso che la sua presenza sia stata per noi una vera fortuna. (Ludovica)

 

A scuola è un coccolone e tutti gli vogliono bene. (Elisa)

 

Comunque per me rimane un amico speciale. Con lui ho capito l'importanza di avere un amico così particolare, che per farsi capire usa delle vignette e il tablet. Io cercherò di stargli vicino ed aiutarlo nelle sue difficoltà. (Sara)

 

L’aiuto che A. mi ha dato grazie alla sua malattia è molto grande perché mi ha fatto capire l’affetto e l’amore che provo per lui ma anche perché avere un compagno come lui ci fa capire quante cose belle ci sono a questo mondo. (Simone)

 

Non lo abbiamo mai fatto sentire diverso perché lo abbiamo sempre invitato nei giochi facendolo sentire parte del gruppo. (Saverio)

 

Io ho un amichetto

che assomiglia quasi ad un coniglietto

lui è una persona speciale

anche più del Natale.

Si chiama Andrea

e se lo cerchi lo trovi sempre in platea.

Il suo colore preferito è il rosso

e quando lo vede ride a più non posso.

Il suo compleanno è stato molto divertente

anche più di quando si prende la patente.

Per lui donerei anche un rene

e con questo ti voglio tanto bene. (Melissa)

 

giornataautismo2

© 2012 Istituto Comprensivo della Valle dei Laghi